Legge di Bilancio 2023: ecco cosa cambia - Vievi Serramenti
sconto in fattura - vievi serramenti lodi
Sconto in fattura infissi
19 Luglio 2021

Legge di Bilancio 2023: ecco cosa cambia

La Legge di Bilancio 2023, approvata dal Consiglio dei Ministri il 21 novembre 2022, ha ricevuto il via libera definitivo del Senato il 29 dicembre 2022. La manovra ha portato con sé alcune importanti modifiche intervenendo su aliquote, importi, procedure e scadenze.

In questo articolo, noi di Vievi Serramenti ti illustriamo tutte le principali novità.

Legge di Bilancio 2023: le novità da conoscere

Con l’approvazione definitiva della Legge di Bilancio per il 2023, sono state introdotte numerose misure a favore di lavoratori, imprese e famiglie. Tra queste, alcune relative al risparmio energetico e ai bonus edilizi. Vediamole insieme!

Legge di Bilancio 2023Suberbonus ed Ecobonus 2023

L’Ecobonus, rivolto a chi esegue interventi finalizzati all’aumento del livello di efficienza energetica degli edifici esistenti, è stato confermato fino al 2024 con un’aliquota base di detrazione al 65%, mentre scende al 50% in caso di installazione di tende da sole e altri elementi oscuranti.

Per i condomini, l’Ecobonus rimane anch’esso confermato fino alla fine del 2024. Tuttavia, l’agevolazione consiste in una detrazione pari al 70% o al 75% (nel caso in cui l’intervento migliori la prestazione energetica raggiungendo un livello di qualità media di cui al decreto del MISE 26 giugno 2015), con un limite di spesa massimo pari a 40.000€ per ogni unità immobiliare.

Suberbonus 110%: i cambiamenti del 2023

Riviste e ampliate anche le norme che prevedono alcuni casi di esclusione dalla riduzione dal 110% al 90% dell’aliquota per il Superbonus. In particolare, si avrà ancora diritto a mantenere l’aliquota al 110% in caso di:

  • Interventi effettuati dai proprietari o comproprietari di immobili con fino a quattro appartamenti per i quali, alla data del 25 novembre, risulta presentata la CILAS;
  • Interventi effettuati dai condomini, per i quali la delibera assembleare che ha approvato l’esecuzione dei lavori risulta adottata entro il 24 novembre e la CILAS presentata entro il 25;
  • Interventi effettuati dai condomini, per i quali la delibera assembleare che ha approvato l’esecuzione dei lavori risultata adottata entro il 18 novembre e la CILAS presentata entro il 31 dicembre;
  • Interventi comportanti la demolizione e la ricostruzione degli edifici, per i quali al 31 dicembre 2022 risulta presentata la domanda per l’acquisizione del titolo abilitativo.

Legge di Bilancio 2023Bonus ristrutturazioni e Bonus facciate

La Legge di Bilancio 2023 riconferma anche il Bonus Ristrutturazioni fino alla fine del 2024 con aliquota di detrazione pari al 50% della spesa sostenuta, fino all’importo massimo di 96.000€.

Il Bonus facciate non sarà più disponibile. In caso di lavori non ultimati, per tutte le spese sostenute a partire dal 1° gennaio 2023, restano usufruibili le detrazioni fiscali ordinarie:

  • Legge di bilancio 2023Bonus ristrutturazioni 50% (valido fino al 31 dicembre 2024)
  • Legge di bilancio 2023Ecobonus 65%/50% (valido fino al 31 dicembre 2024)

Legge di Bilancio 2023: Sismabonus

Il Sismabonus rimane valido fino alla fine del 2024, con percentuali di detrazione variabili tra 50% e 85% delle spese sostenute, a seconda del tipo di intervento effettuato.

Bonus barriere architettoniche

Anche l’agevolazione per gli interventi finalizzati all’abbattimento delle barriere architettoniche, rimane valida fino alla fine del 2025 con aliquota del 75%. La detrazione è utilizzabile per interventi in edifici esistenti. I massimali di spesa su cui è applicabile la detrazione dipendono dal tipo e dalla dimensione dell’edificio. Nello specifico:

  • 50.000€ per edifici unifamiliari o per le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari, rispetto ai quali siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno;
  • 40.000€ moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio, edifici composti da due a otto unità immobiliari;
  • 30.000€ moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio, edifici composti da più di otto unità immobiliari

Tra i bonus “minori”, infine, sono confermati fino a fine 2024:

  • Legge di bilancio 2023il Bonus Verde: incentivo comprendente gli interventi di sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, comprese le pertinenze. La percentuale di detrazione è pari al 36% con limite di spesa massimo di 5.000€.
  • Legge di bilancio 2023 Il Bonus mobili ed elettrodomestici: incentivo concesso a chi realizza interventi di ristrutturazione agevolati da detrazione 50% per l’acquisto di complementi destinati all’unità immobiliare oggetto dei lavori di ristrutturazione.